ITA . ENG
 

infograficaBioVeg_web

Perché BIOLOGICO e VEGETALE? 


Scegliere un’alimentazione vegetale e proveniente da agricoltura biologica  permette di inserirci in maniera rispettosa e armonica nell’universo in cui viviamo. È proprio l’unione di questi due elementi che accompagna e completa il percorso del benessere psico-fisico e spirituale dell’individuo.

L’azione e le scelte umane sono fondamentali nel mantenimento dell’equilibrio del nostro ecosistema, in particolare la scelta alimentare ha un’importanza cruciale perché agisce a tutti i livelli: sull’ambiente, sul benessere umano e degli altri esseri viventi. 

 

Per l’Ambiente:
La produzione di alimenti vegetali comporta un impatto ambientale notevolmente inferiore rispetto alla produzione di proteine animali attraverso allevamenti intensivi. Questo vale sia in termini di risorse naturali consumate per produrre che di sostanze rilasciate nell’ambiente. 

Quanto a consumo delle risorse basti pensare che un terzo dell’intera produzione alimentare globale è destinato ad foraggiare animali da allevamento. La situazione è simile per le risorse idriche: l’impiego di acqua per ottenere 100g di carne è pari a 1600 litri, mentre per lo stesso quantitativo di pomodori i litri impiegati sono circa 19.

 Gli stessi allevamenti pesano poi per almeno il 50% sulle emissioni mondiali di anidride carbonica (CO2), metano (CH4) e protossido d’azoto (N2O) e sono allo stesso tempo causa di un’ampia deforestazione e un progressivo impoverimento del suolo.
Un’alimentazione a base vegetale ha quindi una riceduta benefica sull’ambiente. Se poi gli alimenti vegetali sono anche biologici non solo l’impatto ambientale si riduce ulteriormente, ma incentiviamo anche pratiche agricole che aiutano la biodiversità e arricchiscono i terreni.

 

Per la salute:
Da un’alimentazione a base vegetale varia e ben bilanciata arrivano preziose risorse utili al nostro benessere. Gli alimenti vegetali sono, infatti, ricchi di fibre, vitamine e antiossidanti, hanno un contenuto molto limitato di grassi saturi e sono naturalmente privi di colesterolo. Se biologici sono inoltre privi di additivi chimici, pesticidi conservanti, coloranti e OGM. Questa base “pura” porta sulle nostre tavole le proprietà benefiche degli alimenti vegetali nella loro interezza.
Secondo i nutrizionisti della American Dietetic Association e dei Dietitians of Canada, “le diete vegane ben bilanciate e altri tipi di diete vegetariane risultano appropriate per tutti gli stadi del ciclo vitale, inclusi gravidanza, allattamento, prima, seconda infanzia e adolescenza. Inoltre offrono molteplici vantaggi sul piano nutrizionale, compreso un ridotto contenuto di acidi grassi saturi, colesterolo e proteine animali, a fronte di un più elevato contenuto di carboidrati, fibre, magnesio, potassio, acido folico e antiossidanti, quali ad esempio le vitamine C ed E e le sostanze fitochimiche”. (Position Paper of the American Dietetic Association, Journal of the American Dietetic Association, 2003).

 

Per gli animali:

Dati FAO attestano che nella seconda metà del Novecento il consumo globale di carne è aumentato di 5 volte e quello di pesce è quasi raddoppiato portando a pratiche di allevamento e pasca intensivi che comportano un alto grado si stress e sofferenza su esseri viventi senzienti. Scegliendo alimenti a base vegetale si ha quindi l’opportunità di dissociarsi da tali pratiche e dare un contributo a tutela del benessere di tutti gli esseri viventi rendendosi parte attiva nel ridisegnare il rapporto uomo-animali nel ciclo produttivo e alimentare.

 

I commenti sono chiusi.